Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...
basquiat

Basquiat al Mudec

Vent’anni dopo la sua prima mostra al Whitney Museum of American Art (1992-1993) e dieci anni dopo la retrospettiva al Brooklyn Museum of Art (2005) le opere del writer e pittore statunitense Jean-Michel Basquiat arrivano al Mudec - Museo delle culture di Milano.

La mostra, curata da Jeffrey Deitch e Gianni Mercurio, offre al pubblico quasi cento opere provenienti da collezioni private e attraversa tutta la breve ma intensa carriera di Basquiat, che si è conclusa con la morte prematura all'età di soli ventisette anni. In modo diretto e apparentemente infantile Basquiat è stato in grado di portare all’attenzione del grande pubblico tematiche essenziali sull’identità umana e sulla questione dolorosa e aperta della razza.

È stato un personaggio fondamentale nella storia contemporanea americana perché capace di intrecciare, unico per quei tempi, l’energia urbana dannata di New York con le sue radici segnate dalla schiavitù e dalla diaspora. Questa esposizione mostrerà il ruolo centrale di Basquiat nella generazione dei suoi artisti coetanei e la funzione della sua arte come un ponte di collegamento tra le diverse culture.

Una carriera breve ma fulminante, quella di Basquiat, segnata dall’incontro con Andy Warhol, nel 1983, che diventerà il suo più grande sostenitore. La mostra di Basquiat a Milano permette di avvicinarsi ad un mondo “scarabocchiato”, a figure filamentose che si intersecano con parole, con figure che hanno contemporaneamente la spontaneità della strada e il riferimento colto alle avanguardie del Novecento europeo e alla Pop Art americana.

 

Dove
Mudec - Museo delle Culture, via Tortona 56, Milano

 

Quando
Dal 28 ottobre 2016 al 26 febbraio 2017
lunedì dalle 14.30 alle 19.30
giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30
tutti gli altri giorni dalle 9.30 alle 19.30

 

Per info
http://www.mudec.it/ita/jean-michel-basquiat/

 

Informazioni sull'accessibilità
Ingresso ridotto per le persone con disabilità e gratuito per i loro accompagnatori. Sono disponibili audioguide.
Il Museo dispone di un ampio garage (179 posti auto) situato su due piani (-1 e -2) serviti da un ascensore (porta 90 cm); 10 posti auto sono riservati alle persone con disabilità munite di pass disabili. E’ possibile inoltre parcheggiare nelle immediate vicinanze sulle strisce blu.

L’ingresso principale presenta una soglia (h 3 cm) e tre doppie porte a battente consecutive (210 cm).
La struttura si sviluppa su 3 piani collegati da due ascensori (porta 90 cm; cabina 150 x 133 cm, pulsantiera a rilievo e segnale acustico di arrivo al piano).
A piano terra si trovano: la biglietteria (bancone h 121 cm), il guardaroba (bancone h 93 cm), il bistrot, il design store, la sala “Forum delle Culture”, uno spazio polifunzionale, uno spazio per la didattica, il laboratorio di restauro, altre aree allestite per essere visitate da piccoli gruppi accompagnati e il Mudec Junior, uno spazio dedicato ai bambini, dove ci si propone di avvicinare anche i più piccoli alle diverse culture del mondo attraverso attività ludiche, postazioni multimediali e laboratori manuali. Il Mudec Junior presenta porta a due battente (260 cm), tavoli rotondi a quattro gambe (spazio libero sottostante h 68 cm), cuscinoni e sgabelli.
Il bistrot, che si trova a piano terra alla sinistra dell’ingresso principale, dispone di un’ampia sala (100 coperti) con splendidi fiori sulle pareti, arredata con tavoli quadrati a pianta centrale (spazio libero sottostante h 67 cm). Il Design Store (bancone h 96 cm), presenta porta a due battenti (232 cm).

Sempre a piano terra, di fronte al guardaroba, si trova un servizio igienico attrezzato per le persone con disabilità. Il bagno ha porta di 83 cm, lavabo sospeso (spazio frontale 80 cm), wc a pavimento (spazio frontale 107 cm, laterale destro 121 cm, laterale sinistro 22 cm, maniglioni su entrambi i lati, doccetta sul lato sinistro del wc).
Al primo piano, intorno ad una grande piazza centrale coperta, si sviluppa l’area espositiva del museo che ospita la sezione con le opere della collezione permanente e le sale (porte a due battenti di 200 cm) dedicate alle grandi mostre temporanee.
Al primo piano è presente un book-shop (bancone h 100 cm, porta a due battenti 198 cm) che viene aperto solo in occasione di alcune mostre.
Completa lo spazio espositivo l’auditorium con 300 posti (porta a due battenti di 224 cm). Al secondo piano si trovano i servizi igienici, di cui quello attrezzato per persone con disabilità, presenta porta 87 cm, wc a pavimento (spazio frontale 142 cm, spazio laterale destro 32 cm, spazio laterale sinistro 115 cm, maniglioni su entrambi i lati, doccetta sul lato destro wc).

Il ristorante “Mudec Restaurant”, situato al terzo piano, dispone di un’elegante sala (90 coperti) che domina l’area ex Ansaldo offrendo sguardi inediti sul Mudec; la sala è arredata con tavoli quadrati a pianta centrale (spazio libero sottostante 71 cm) e cassa (h 117 cm). il ristorante propone piatti delle cucina internazionale e mediterranea. Su richiesta menù specifici per vegani, vegetariani e intolleranti.

29/09/2017