Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...
Porta San Giacomo a Bergamo

Le Mura Venete di Bergamo ancora più accessibili

Entro metà del 2021, verranno completati due importanti interventi per migliorare l’accessibilità delle Mura venete di Bergamo: due delle quattro porte che conducono dalle Mura al centro della città saranno finalmente accessibili alle persone con disabilità motoria. Come riferisce il sito del Comune di Bergamo, nei giorni scorsi, si sono conclusi i lavori per l’installazione di una rampa a Porta Sant’Agostino che agevolerà il passaggio alle persone con disabilità motoria che si spostano in carrozzina o alle mamme in compagnia dei propri bambini nel passeggino “senza che debbano attraversare la strada all’interno della Porta, manovra da sempre molto pericolosa”. La struttura metallica, realizzata previo parere della Sovrintendenza è completamente rimovibile e poggia sulla pavimentazione esistente, con un parapetto leggero, sempre in metallo e una pavimentazione in lamiera stirata antiscivolo.

Inoltre, nelle scorse settimane, il Comune di Bergamo ha approvato il progetto per la realizzazione di una seconda rampa che andrà a sostituire i gradini su uno dei lati di Porta San Giacomo, una delle due porte d’accesso al centro storico della città orobica.

Questo intervento permetterà alle persone con disabilità motoria e che si spostano in carrozzina (oltre agli anziani e alle mamme con passeggino) di poter raggiungere in sicurezza il centro di Bergamo. Al momento, infatti, chi si sposta in carrozzina è costretto a transitare sulla sede stradale per aggirare una rampa di scale ed è esposto al rischio di essere investito dalle auto in transito. Una situazione particolarmente pericolosa dal momento che la strada in questione -come sottolinea la stampa locale- è caratterizzata in quel tratto da una doppia curva a S.

Secondo quanto riferisce il quotidiano locale “Qui Bergamo”, nell’esecuzione dei lavori verrà mantenuta la delimitazione con i paracarri esistenti e ridisegnato un camminamento di larghezza variabile da cm 165 a cm 200, in lastre di pietra arenaria disposte a correre (larghezza cm 40), sostenuto da un muro di pietra di Credaro con copertina in arenaria. Inoltre, su indicazione proposta dalla Commissione del Paesaggio e approvata dalla Soprintendenza, per consentire la realizzazione del percorso pedonale mantenendo la dimensione minima consentita, è stato necessario prevedere l’eliminazione della scalinata destra (realizzata nel ‘900) in pietra, che non riveste particolari caratteri storici. La nuova rampa sarà protetta da una barriera in ferro verso la porta e dai paracarri in pietra esistenti che delimitano e proteggono il lato verso la carreggiata stradale. La barriera sarà realizzata mantenendo forma colore e caratteristiche della barriera esistente ai lati del fronte esterno della porta. Il progetto approvato dalla Giunta comunale ha un valore di circa 75mila euro e il cantiere sarà completato nella prima metà del 2021.


Dal 2017 le Mura Venete di Bergamo sono entrate a fa parte del Patrimonio dell’Umanità Unesco all’interno del sito transnazionale “Opere di difesa veneziane tra il XVI e il XVII secolo: Stato da Terra – Stato da Mar occidentale”. Si tratta di un imponente complesso di fortificazioni erette dalla Serenissima in sei località chiave per il controllo delle rotte commerciali marittime e terrestri oltre che per la difesa dei confini come Bergamo, Peschiera del Garda, Palmanova, Zara, Sebenico e Cattaro.

Per saperne di più è possibile consultare l’apposita scheda dedicata alla storia delle Mura Venete e quella dedicata all’accessibilità

19/01/2021