Web Content Viewer (JSR 286) (default)

Azioni
Caricamento...

LIS


Lo scorso 5 agosto 2016 il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato Legge Regionale n. 20 “Disposizioni per l'inclusione sociale, la rimozione delle barriere alla comunicazione e il riconoscimento e la promozione della lingua dei segni italiana e della lingua dei segni italiana tattile” (BURL n. 32, suppl. del 08 Agosto 2016 ) che all’art. 1, recita che “La Regione, nel rispetto degli articoli 3 e 117 della Costituzione e sulla base dei principi della centralità della persona e della libera scelta, promuove l'inclusione e l'integrazione sociale delle persone sorde, sordocieche o con disabilità uditiva o con deficit di comunicazione e di linguaggio come nei disturbi generalizzati dello sviluppo, e delle loro famiglie mediante l'abbattimento delle barriere alla comunicazione, il riconoscimento della lingua dei segni italiana (LIS) e della lingua dei segni italiana tattile (LIS tattile), nonché la prevenzione e la cura del deficit uditivo e la diffusione di ogni altra tecnologia volta a favorire un ambiente accessibile nelle famiglie, nella scuola, nella comunità e nella rete dei servizi.

La prima applicazione di questa legge è la DGR nr. 5879/2016 con la quale è stato chiesto a tutte le 8 ATS della Lombardia di implementare percorsi di accoglienza medica per persone sorde, sordocieche o con disabilità uditiva, deficit di comunicazione o di linguaggio come nei disturbi generalizzati dello sviluppo.

Ad oggi le Ats della Lombardia hanno presentato i progetti richiesti per l’attuazione della legge e il quadro che ne emerge è significativo.

Tali progetti, pur con differenti livelli di approfondimento, hanno mostrato l’impegno, diffuso sul territorio, di individuare interventi concreti a favore della popolazione target, a partire dall’implementazione di percorsi di accoglienza.

L’interesse si è focalizzato sui temi dell’accesso alle strutture sanitarie e dei percorsi al loro interno, con particolare riferimento all’area del Pronto Soccorso/Emergenza - Urgenza, all’Ufficio Relazioni con il Pubblico e al CUP (prenotazioni visite ed esami).  Anche il servizio di interpretariato, con diverse modalità organizzative (in presenza, su richiesta, con videochiamata…), è previsto dalla metà delle Ats.

Alcuni progetti hanno inoltre centrato l’attenzione sugli operatori sanitari. Un altro passo significativo è la formazione del personale amministrativo in quanto spesso il primo approccio alla struttura avviene non per il pronto Soccorso, ma sicuramente per URP e CUP) .

Oggi quindi  le Ats del nostro territorio  si stanno attrezzando per poter fornire anche questo prezioso servizio di cui si daranno aggiornamenti ed esiti in queste pagine.

 

 

SpazioDisabilità 

Il servizio video chat LIS abbatte le barriere della comunicazione utilizzando le tecnologie più avanzate. Attraverso la video-chat, le persone sorde segnati possono comunicare senza alcuna difficoltà con gli operatori del servizio SpazioDisabilità grazie alla mediazione comunicativa a distanza di un interprete in Lingua dei Segni.

Legge Regionale 5 agosto 2016, n. 20

Documento PDF - 10 KB

DGR 28 novembre 2016, n.5879

Documento PDF - 131 KB

20/10/2017